Tre allegri in concerto a New York!

Di Enrico, 24 agosto 2015
enrico

Per la prima volta Tre allegri ragazzi morti in concerto in America! Il 7 ottobre al Bowery Electric di New York, a due passi dal fu storico CBGB’s, con Frankie Hi-Nrg Mc per sostenere il lancio di Radio Nuova York: www.radionuovayork.com.

11903527_10153581275351912_2005088760_n

Quando eravamo swing

Di Enrico, 5 maggio 2015
enrico

Tre allegri ragazzi morti & Abbey Town Jazz Orchestra
La Tempesta Dischi, martedì 26 maggio 2015 (CD, LP, DL)

locandina per sito tarm

Quando eravamo swing è il regalo di una grande orchestra di jazz (l’Abbey Town Jazz Orchestra) alla musica e all’immaginario di Tre allegri ragazzi morti e con loro a tutta la musica indipendente italiana. Gli arrangiamenti in stile swing o esotico riconsegnano alle canzoni di Tre allegri ragazzi morti vita nuova e allo stesso tempo classica. Gli arrangiamenti accompagnano con naturalezza le melodie della band friulana ripercorrendo tutta la loro storia, da Occhi bassi a I cacciatori quindi da Mostri e normali a Il giardino dei fantasmi. Spesso sembra di ascoltare le versioni originali dei brani. Fate una prova con La mia vita senza te o con Signorina Primavolta.

Queste le prime date confermate:
01-06-2015 Piazza del Popolo – San Vito al Tagliamento (PN)
06-06-2015 Sound Vito Festival – Legnago (VR)
13-06-2015 Happening Cooperative / Lazzaretto – Bergamo
04-07-2015 Indiependence Festival – Collegno (TO)
30-07-2015 Suoni di Marca – Treviso

Quando eravamo swing, registrato in presa diretta nel bel Teatro Arrigoni di San Vito al Tagliamento (in provincia di Pordenone) sotto la direzione del pianista Bruno Cesselli e rifinito all’Alambic Conspiracy Studio da Paolo Baldini, mette per la prima volta assieme musicisti di area stilistica diversa attorno ad un progetto comune. Davide Toffolo canta tutte le canzoni, Luca Masseroni offre il suo drumming reggae alle canzoni Puoi dirlo a tutti, La faccia della luna e Primitivi del futuro. Enrico Molteni compare al basso in Occhi bassi. Guest vocale nel disco Maria Antonietta che reinterpreta il primo successo di Tre allegri ragazzi morti (Occhi bassi) e che duetta con Davide nella versione Gershwiniana de Il mondo prima. Alfredo Puglia arricchisce Prova a star con me un inverno a Pordenone con la sua voce virtuosa e Jacopo Garzia, uno dei due gemelli Mellow Mood, ci porta direttamente in Giamaica sul finale di Puoi dirlo a tutti. Primitivi del futuro offre lo spazio a due solisti d’eccezione: il flautista Massimo De Mattia e il saxofonista Nevio Zaninotto.

La copertina del lavoro è una foto di Cecilia Ibañez che ritrae la star internazionale del burlesque Cleo Viper, una delle artiste italiane che incarna questa nuova commistione fra gusto del passato e gusto contemporaneo. Anche i titoli delle canzoni hanno subito un cambiamento, ecco la tracklist:

01. Un inverno swing a Pordenone
02. Signorina Rock Time
03. Il mondo prima di Elvis
04. La mia vita senza rock
05. Puoi dirlo a tutti exotica
06. Ai cacciatori piace il jazz
07. Occhi bassi serenade (feat. Maria Antonietta)
08. Volo sulla mia città con la Big Band
09. La faccia della Blue Moon
10. Primitivi del jazz

Dice Bruno Cesselli direttore dell’orchestra e della registrazione sul lavoro: “Manomettere “La mia vita senza te” con tanto di Corale degli ottoni lì in mezzo, cercando i suoni dell’orchestra solo tra i testi e le linee della melodia. Apprendere solo molto tempo dopo che hai fatto la partitura il perché quel brano è stato scritto, e sorprenderti a pensare che quel Corale in “stile severo” ci voleva proprio. Tutto questo senza condizionamenti, nella più completa libertà, disponibili a correre tutti i
rischi, musicali e non… Come desiderare di più?”.

Mauro Darpin, arrangiatore de Il mondo prima e saxofonista dice: “Sostituire la chitarra con i fiati, la batteria rock con una pulsazione jazz e gli accordi tonali con una progressione di tipo modale; aprire il brano all’improvvisazione del sax soprano e la trasformazione è compiuta!”.

Mirko Cisilino, trombettista e arrangiatore: “Ciò che emoziona più profondamente nella musica sono le melodie, ben prima di qualsiasi testo o arrangiamento. Spesso queste emozioni ci fanno agire senza troppo pensare, istintivamente, tirando fuori tutto il necessario alla creazione di una grande opera. Le melodie della voce, del basso, della chitarra, che continuamente ritornano alla mente, sono state semplicemente accompagnate verso una grande orchestra che le ha reinterpretate in modo del tutto originale.”.

Vivere fuggendo

Di Enrico, 22 marzo 2015
enrico

copertina per sito tarm

Unplugged / Il Pan del Diavolo cover

Di Enrico, 3 marzo 2015
enrico

È con una bellissima canzone de Il Pan del Diavolo che Tre allegri ragazzi morti invitano tutti gli allegri ragazzi morti agli appuntamenti unplugged di aprile e maggio.

03-04-15 Roncade (TV) – New Age
04-04-15 Asti – Palco 19
05-04-15 Grottammare (AP) – Container
06-04-15 Molfetta (BA) – Eremo Club
10-04-15 Udine – Teatro San Giorgio
11-04-15 Brescia – Latteria Molloy
15-04-15 Milano – La salumeria della musica
16-04-15 Legnano (MI) – Circolone
17-04-15 Bologna – Covo Club
18-04-15 Colle di Val D’Elsa (SI) – Sonar
24-04-15 Cervia (RA) – Barrumba
30-04-15 Napoli – Comicon
01-05-15 Tito (PZ) – Cecilia centro per la creatività
02-05-15 Catania – Mercati Generali

VIVA I FUMETTI / VIVA L’ANIMAZIONE

Di Enrico, 16 dicembre 2014
enrico

Sunrise Winter Concert – Tre Allegri Ragazzi Morti, Rocca del Santuario di Monrupino (Trieste), giovedì 18 dicembre, 7.30/8.00

per sito tarmPICCOLO FESTIVAL DELL’ANIMAZIONE

I concerti all’alba stanno prendendo piede in molte località turistiche italiane e soprattutto europee. Si celebra il sorgere del sole come evento che coincide con l’idea della rinascita. E la musica di un concerto sottolinea e accompagna meglio di ogni altro cerimoniale questo evento. La scelta inconsueta è l’alba invernale in un luogo immerso in un paesaggio unico al mondo, il Carso. La natura che si risveglia ha una magia propria e la sua scoperta o riscoperta sottintende la analoga possibilità di una scoperta o riscoperta anche di noi stessi. Il concerto d’inverno si collega a un film d’animazione, Aubade, del giovane autore pordenonese Mauro Carraro (Nadasdy Film, Svizzera, 2014), che verrà proiettato durante la serata del Piccolo Festival dell’Animazione, il 17 dicembre a Trieste al teatro Miela. Dal soggetto del film al concerto vero e proprio il passo è breve e sono Tre allegri ragazzi morti a essere contagiati dalla potente mistura di un atto mitico in un paesaggio altrettanto mitico.
Inerpicati sull’altura della rocca di Monrupino, antistante il santuario, un palco naturalissimo, suoneranno alla luce dell’alba le loro canzoni. Dalle 7.30 alle 8.00 aspetteremo di vedere aprirsi l’orizzonte verso est, sulle radure carsiche, a perdita d’occhio. Il concerto è organizzato dall’Associazione Vivacomix in collaborazione con l’Associazione Dobialab e La Tempesta, partner, la Casa del Cinema di Trieste, e con il contributo della Regione Friuli Venezia Giulia.

10553385_10152759449514004_4997741658699656247_n

È disponibile nel negozio de La Tempesta il bellissimo libro Vent’anni di comunicazione visiva nel laboratorio di Tre allegri ragazzi morti. Quattrocento pagine pubblicate da Rizzoli Lizard che raccolgono tutto il materiale grafico creato dal gruppo di Pordenone in questi venti anni di attività. Alle prime duemila copie disponibili online sarà allegato un fantastico regalo, un esclusivo CD numerato del live Unplugged che Tre allegri ragazzi morti hanno tenuto la scorsa estate a Cagliari. Segui il link per saperne di più e per ordinare la tua copia!

Trailer

La Tempesta concerti presenta:

Tre allegri ragazzi morti & Sick Tamburo team up
(Dicembre, Pordenone spacca!)

11-12-14 Torino – Hiroshima Mon Amour
12-12-14 Ponte San Giovanni (Pg) – Afterlife
13-12-14 Roma – Atlantico
19-12-14 Taneto di Gattatico (Re) – Fuori Orario
20-12-14 Firenze – Auditorium Flog
22-12-14 Milano – Alcatraz
23-12-14 Pordenone – Naonian Concert Hall

Solo nel mese di dicembre 2014 i due gruppi di Pordenone si incontrano per un tour senza precedenti. SICK TAMBURO, la rivelazione discografica dell’anno con “Senza vergogna”, e TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI nel loro ventesimo anno di attività, si confrontano per sette date imperdibili nei più prestigiosi palchi della penisola. Una festa di musica e immagine, il mondo visto con gli occhi della maschera, gli immaginari di due gruppi che per un mese incrociano le loro strade e i loro strumenti. Sette serate a tutto volume per guardare il mondo da dentro la maschera.
TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI & SICK TAMBURO, il sound di una città che ha dato i natali al punk Italiano e che a trent’anni di distanza ha innescato a La Tempesta, collettivo musicale fulcro della nascita della nuova musica indipendente italiana.

Tre allegri ragazzi morti & Sick Tamburo team up

La Tempesta al Rivolta IV

Di Enrico, 10 ottobre 2014
enrico

Tre allegri ragazzi morti / Unplugged

Di Enrico, 30 luglio 2014
enrico

Cagliari

Venerdì 8 agosto al Teatro Civico di Cagliari si terrà il primo concerto completamente unplugged di Tre allegri ragazzi morti. Per festeggiare i loro vent’anni di attività hanno infatti deciso di proporre in Sardegna un concerto assolutamente esclusivo, perché la Sardegna è uno dei luoghi dove l’affetto e l’amore per la loro musica si sono radicati fin dagli albori.

Un concerto esclusivo in un luogo esclusivo, il Teatro Civico di Cagliari, situato sul bastione della città, luogo ideale per l’atmosfera che il gruppo vuole regalare al pubblico cagliaritano. In circa due ore di musica Tre allegri ragazzi morti offriranno le canzoni più conosciute, tratte dai loro sette album in studio, e alcune cover di gruppi italiani come Il Pan del Diavolo e The Zen Circus, gruppi sostenuti da La Tempesta, il collettivo artistico innescato proprio da Tre allegri ragazzi morti nel 2000.

Sul palco Davide Toffolo, Luca Masseroni ed Enrico Molteni coadiuvati da Andrea Maglia suoneranno strumenti rigorosamente acustici. Chitarre, basso, batteria e diatonica. Una serata per cantare a squarciagola le canzoni di Tre allegri ragazzi morti. Un esorcismo collettivo contro le difficoltà dell’esistere che viene presentato in questa forma per la prima volta.

Il disegno della locandina è di Davide Toffolo. #tarm20

Mi ami (Mi basterà una vita)

Di Enrico, 6 giugno 2014
enrico